Gaël Giraud

L’insegnamento appreso dal minuscolo SARS-CoV-2

 

 

 

 

 

Condivido un articolo di Piero P. Giorgi di analisi su ieri, oggi e domani, utile per riflettere su ciò che stiamo vivendo e ricco di sollecitazioni per il prossimo futuro.

Piero è membro della comunità del Centro Europeo di Gargnano (BS), scienziato e docente universitario,  è autore di due testi anche in lingua italiana (citati nelle note). Lo ringrazio per la disponibilità alla condivisione.

***

Preambolo

Durante la seconda guerra mondiale la popolazione passava ore nei rifugi antiaerei; chi pregava, chi si lamentava, chi suonava l’armonica. E tutti pensavano: ce la faremo, dopo questa grande paura tutto tornerà come prima.

E così fu.

Male, molto male.

Una tragedia del genere (milioni di morti e feriti, un mondo da ricostruire) avrebbe dovuto farli riflettere. Chi o cosa ha scatenato questo mostro? Quale responsabilità abbiamo avuto noi piccole formichine? 1 Che cosa dovremmo cambiare per evitare che si ripeta?

No, non ci fu nessuna consultazione pubblica di questo tipo. I vincitori (quelli che hanno voluto la guerra, l’hanno finanziata e ci hanno guadagnato) decidono quello che vogliono e le formichine, distratte e contente, si godono la Pace e accettano tutto come prima, più di prima, con passione.

Non è una novità. L’abbiamo fatto da circa 7.000 anni (un fenomeno molto recente della nostra esistenza), modificando e peggiorando i rapporti sociali in modo disumano già dal tardo Neolitico, l’Era del Bronzo, ottima lega metallica per fare spade, non adatte a cacciare ma ottime per uccidersi tra di noi2. La minoranza in cima alla piramide sociale, capendo che il proprio tornaconto (basato sulla violenza e l’ingiustizia sociale) comportava cose orrende per le formichine, pensò bene di camuffare la tragedia chiamandola “Civiltà” e insegnandola a scuola nella materia chiamata “Storia”, una sfilza di violenze e progressi tecnologici accompagnati da una progressiva perdita di umanità. 3 Ci furono anche progressi nell’estetica (arte) e nella conoscenza del mondo (scienza), ma senza discuterne le implicazioni sociali e capire i meccanismi socio-politici che li promuovevano (es. Fascismo a favore di Marinetti e il futurismo) o li proibivano (es. la Chiesa contro Galilei e la teoria eliocentrica).

Vediamo ora le lezioni radicalmente nuove rivelate dal nostro piccolo maestro di scuola.

Un virus (termine latino che significa ‘veleno’) non è neanche una cellula, neanche una forma vivente: solo una molecola di acido nucleico (DNA o RNA) con una camicia di proteine e un mantello di lipidi, ma è piccolissimo, una frazione di micron, che a sua volta è un millesimo di millimetro. Può solo esistere dentro a una cellula infettata (parassitismo obbligato), dalla quale prende in prestito i meccanismi biochimici per duplicarsi e infettare altre cellule. Così facendo, causa malattie in piante e animali, ma lui non lo sa. 4

Da dove è sbucato il piccolo responsabile della sindrome COVID-19? La risposta ci porta subito al primo gruppo di lezioni.

Uomini, piante e animali

Solo pochi millenni fa gli esseri umani hanno cominciato a considerarsi padroni del mondo, i quali possono letteralmente cambiare e sfruttare piante e animali, cambiare e inquinare acque e terreni senza ritegno. Più recentemente il rapporto danno ambientale/vantaggio pubblico è diventato enorme, poco sostenibile, con pochissimi che lo notano e urlano di rabbia. Per esempio, per guadagnare più soldi gli allevatori hanno ammassato gli animali da carne (galline, maiali, ecc.) in spazi strettissimi, causando loro stress e malattie; li hanno quindi imbottiti di antibiotici e tra gli acquirenti sono apparsi i primi batteri patogeni resistenti a tutti gli antibiotici, molto pericolosi. 5

In questo sfondo generale d’ignoranza e disinteresse, in Cina hanno permesso alla gente di mangiare cani randagi ammalati, pipistrelli 6 e pesci male conservati nei mercati. Pare che il nostro piccolo SARS-CoV-2 sia appunto nato nella regione di Huanan o nel mercato di pesci e animali vari della sua capitale Wuhan, nel mese di novembre del 2019. Aveva poco più di due mesi e già appariva in vari paesi del mondo; una creaturina sveglia, molto trasmissibile anche se non molto mortale.

Lezione 1 – Per una democrazia efficace non basta indire elezioni ogni cinque anni. Bisogna anche provvedere all’Educazione Civica a tutti i livelli scolastici 7 , avere una stampa critica e indipendente, organizzare discussioni politiche ben dirette, serene, senza voci sovrapposte e aggressività, con dichiarazioni documentate e ragionamenti logici. E poi, in un paese veramente democratico gli interventi dell’amministrazione pubblica devono anche essere trasparenti e motivati. In una situazione del genere, con educazione e informazione, si potrebbero prevenire i problemi (le pandemie, nel nostro caso), non solo ricorrere a drastiche misure repressive dopo che sono apparsi. Covid-19 non è solamente un problema medico. Una volta passata la pandemia non dovremo tornare a “tutto come prima”.

Lezione 2 – Uno dei flagelli più dannosi nelle società complesse (quelle degli ultimi 5.000 anni) è la corruzione (una forma di violenza). Le cause della pandemia e i non rari esempi di ritardi nell’applicare i rimedi riguardano non solo l’incompetenza ma anche la corruzione, proteggendo certe categorie più che altre in occasione di decisioni drastiche per rallentare Covid-19. Non si può ridurre ed eliminare la corruzione senza una buona etica sociale8. Esiste una chiara distribuzione geografica nei livelli di corruzione mondiale. Smettiamo di considerare gli USA come modello di società da ammirare (come vogliono i mass media) e documentiamoci sui paesi (es. scandinavi) che appaiono in cima alle classifiche con i minori livelli di corruzione9. Poi decidiamo di imitare loro, non i falsi modelli impostici. L’Italia ha poi un grosso problema da risolvere riguardo il fenomeno delle reti criminali (mafia, camorra, ndrangheta e la cosiddetta mafia nigeriana)10. Una volta passata la pandemia non dovremo tornare a “tutto come prima”.

Lezione 3 – Le formichine sanno tutto sui telefonini. Lo hanno appreso dopo una reclame a tappeto (dieci pagine del Corriere della Sera comprate da Vodafone il giorno dell’uscita in vendita del loro primo smart phone) e dopo severe esclusioni (occorre uno smart phone per accedere a normali funzioni amministrative). Allo stesso tempo le formichine hanno una conoscenza a livello medievale della biomedicina. Va bene così, perché se sapessero come funziona il proprio corpo sarebbe molto difficile vender loro tutti quei prodotti che fanno male o nascondere loro le scelte corrotte fatte dal governo riguardo la salute. A proposito delle cosiddette “lotte politiche”, è più efficace offrire un’educazione civica e una preparazione scientifica alle formichine che votano (democrazia consapevole), piuttosto che organizzare un movimento di protesta contro una politica sbagliata dopo che è stata messa in atto. Per esempio, dopo il fenomeno infettivo degli altri due corona virus, SARS (2003) e MARS (2012), i finanziamenti concessi per studiarli furono molto pochi11. Per l’informazione in democrazia, vedi Lezione 1. Per l’inadeguatezza politica, vedi Lezioni 1 e 2. Se avessimo studiato bene gli agenti infettivi simili dieci anni prima e avessimo avuto governi più interessati alla prevenzione delle malattie che alla finanza, avremmo salvato molte vite. Questo è stato provato da due paesi, la Corea del Sud e Taiwan, che avevano fatto tesoro dell’epidemia di SARS del 2002. Esempi di paesi che all’inizio della pandemia hanno ostentato un’inazione criminale sono Francia, Inghilterra e Stati Uniti (in ordine alfabetico), con capi di governo arroganti; sono poi stati svegliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma il danno, ancora da accertare, è stato fatto12. Una volta passata la pandemia non dovremo tornare a “tutto come prima”.

Smantellamento della Sanità Pubblica

Se consideriamo in particolare gli attuali paesi Europei e gli Stati Uniti, con una pronunciata stratificazione sociale (minoranza ricca e maggioranza vicino alla povertà) e una borghesia in via di diminuzione, 13 notiamo che questa tendenza si riflette anche nel sistema sanitario. Circa trent’anni fa l’industria della malattia (chiamata però “sanità”) ha cominciato a dividersi in due filoni: la medicina per i ricchi e quella per i poveri (chiamate però “privata” e “pubblica”). La seconda ha molto meno risorse ed è molto più lenta. E’ successo in silenzio, senza un dibattito pubblico preliminare, come tutti i cambiamenti che favoriscono gli interessi dei grossi investimenti, mentre le formichine sono distratte da TV e mass media.

Purtroppo l’intervento sanitario necessario per una pandemia è quello pubblico e l’atteggiamento giusto della politica in questa occasione sarebbe quello di chi gestisce i servizi per i cittadini, non quello di chi si occupa solo del potere. 14

Lezione 4. Ecco come il piccolo virus ha messo a nudo l’inefficienza dei due filoni di medicina (la facile diffusione dell’infezione), oltre che dimostrare la sua natura fondamentale ingiusta (più alta percentuale di morti tra i poveri). C’era proprio bisogno di una pandemia per farci capire che un regime sanitario giusto è quello disponibile per tutti e ben sovvenzionato dallo Stato? Chiediamoci perché il progetto del Presidente Obama di un’assistenza medica nazionale è stato talmente osteggiato dai conservatori statunitensi. Immaginiamo, sempre per capire la mentalità USA, che ci fossero due livelli nel sistema di difesa militare: un esercito sgangherato che difende i poveri e uno molto tecnologico per difendere solo i ricchi. A noi farebbe ridere, a loro forse sembrerebbe logico. Un articolo di Gael Giraud ha discusso recentemente come si dovrebbero modificare i nostri sistemi sanitari in vista di future pandemie virali, molto probabili considerando le alterazioni dell’ambiente causate dalle interferenze umane. 15 Buona idea. Una volta passata la pandemia non dovremo tornare a “tutto come prima”.

Per finire, una domanda: perché spaventarsi tanto del virus, quando …

Un bravo frate francescano italiano e missionario in Cina, Luigino Belloli, ha diffuso un testo sulla pandemia dall’impostazione originale in un certo senso ma preoccupante in un altro. In breve, egli si chiede: perché spaventarsi tanto del piccolo virus quando negli ultimi secoli è successo di molto peggio e questo non ci ha mai spaventati? E ci ricorda cose terribili ai danni di persone e dell’ambiente.

Nel paragrafo inquadrato qui sotto vediamo brevemente queste tragedie, cominciando da quelle per le quali potrebbe esserci una spiegazione della nostra insensibilità e continuando con le altre che dimostrano, invece, quanto siamo incoscienti (o distratti da chi non ci vuole consapevoli).


 

Da anni ci è stato detto che circa il 10% della popolazione mondiale consuma circa il 90% dei beni e servizi prodotti nel mondo. Altro dato: le proprietà dei pochi miliardari esistenti (solo 2.000 persone) corrispondono alle proprietà di ben 4 miliardi e mezzo degli oltre 7 miliardi di esseri umani sulla Terra (rapporto annuale Oxfam 2019). Anche se la notizia è impressionante, non sembra disturbare la formichina media europea che probabilmente ha ancora abbastanza risorse da vivere decentemente. Ma questa estrema differenza tra pochi ricchissimi consumatori e tantissimi poveri bisognosi non è solo immorale. Essa crea anche la crisi ambientale e sociale che uccide circa 8 milioni di persone all’anno, non ogni tanto come un virus, le uccide regolarmente ogni anno. Questo comincia a preoccupare chiunque abbia un minimo di senso etico o è capace di immaginare squilibri futuri anche peggiori.

Poi ci sono le 25 guerre attualmente in corso nel mondo con i loro morti, i loro senzatetto, i loro migranti, le loro spese militari. E con l’ONU incapace di arrestarle, perché le superpotenze, sempre coinvolte in un modo o nell’altro in queste guerre, hanno il diritto di veto 16 nel Consiglio di Sicurezza che dovrebbe intervenire.

Poi ci sono le multinazionali dei minerali, dell’agricoltura, dei prodotti chimici e farmaceutici che causano innumerevoli danni agli uomini e all’ambiente al fine di guadagnare di più e ancora di più.

Poi ci sono migliaia di bombe atomiche nei magazzini militari di tutto il mondo, mentre basterebbe l’uso, anche per sbaglio, di solo una decina per causare un “inverno nucleare” (una barriera di fumo e polvere contro i raggi del sole) che estinguerebbe tutte le forme viventi sulla terra. Non servono alla difesa, neanche come deterrenti. L’Italia, vergogna a noi, non ha ancora firmato e ratificato il recente Trattato ONU per eliminarle.

Un’ovvia alterazione ambientale, i cambiamenti climatici, quelli sì hanno già spaventato la gente, ma mancano (o non sono ancora permessi) i meccanismi democratici per protestare e costringere i governi a prendere misure serie. Quale tragedia globale (come Covid19) deve avvenire prima che misure d’emergenza (già fuori tempo massimo) vengano adottate per proteggere l’ambiente?


 

Conclusione

In breve, ecco la causa di questi orrori: la venerazione delle due divinità del Denaro e della Potenza da parte degli uomini. La conseguenza: l’estinzione della nostra specie in breve tempo 17 , se non ascoltiamo la lezione principale del piccolo virus: una volta passata la pandemia non dovremo tornare a “tutto come prima”.

 

Piero P. Giorgi

(aprile 2020). Questo testo può essere diffuso liberamente.

Note:

1 Useremo questo termine per riferirsi alla massa della popolazione controllata dall’alto attraverso i mass media, con la paura e l’ignoranza. Naturalmente il termine non è usato in senso peggiorativo, ma ci sembra quantitativamente significativo. Infatti la categoria che esercita il potere (non il Servizio, vedi nota 14) è sempre una piccola minoranza. Quella che soffre in seguito al potere esercitato male rappresenta un numero molto grande, le formichine. Ebbene, è proprio in insediamenti umani troppo grandi (senza più comunità umana) che la violenza ha trovato la propria origine e l’ambiente ideale per svilupparsi (vedi nota 2).

2 Per i dettagli sull’origine della violenza (non solo della guerra) vedi Giorgi, P. P. (2008) La violenza inevitabile – Una menzogna moderna. Jaca Book, Milano.

3 Sulla natura umana nonviolenta e il recupero della nostra umanità, vedi Giorgi, P. P. (2019) La rivoluzione nonviolenta. Gabrielli Editori, Verona.

4 La storia del passaggio di germi dagli animali d’allevamento agli uomini è spiegata in Diamond, J. (1997, 2019) Guns, germs and steel, pp. 103 e Chapter 11 (pp. 231-256, Table II.I, p. 247). Vintage, Londra. Edizione italiana: Armi, acciaio e malattie. Breve storia degli ultimi tredicimila anni, Einaudi, Milano. Il morbillo, la tubercolosi, il vaiolo, l’influenza, la pertosse e la malaria ci sono stati passati dagli animali che abbiamo allevato. Una curiosità: già nel 2012 David Quammen aveva preconizzato la possibilità di una malattia trasmessa da animali all’uomo in Cina e poi diffusa rapidamente nel mondo (Quammen, D., 2012, Spillover – Animal infection and the next human pandemic. W.W. Norton, New York). Vedi anche la sua intervista pubblicata su Yale Journal of Biology and Medecine, vol. 86 (1), pp. 107-112 (marzo 2013).

5 Sugli allevamenti intensivi e i loro problemi, vedi Quaderni del Bobbio (2010), n.2, p. 109.

6 Non si tratta dei nostri piccoli pipistrelli insettivori che volano al tramonto (Microchirotteri), ma di quelli grandi come cagnolini dei climi caldi che mangiano frutta, vivono spesso in numerose comunità sugli alberi e volano di notte (Macrochirotteri). Questi ultimi pare abbiano un sistema immunitario ottimo e si possano permettere di ospitare molti virus senza esserne disturbati. Così diventano un cibo pericoloso.

Ndr. Per approfondire: https://valori.it/cina-wet-market-commercio-animali-selvatici/

7 La Svizzera, per esempio, comincia a insegnare educazione civica nelle elementari, come la materia principale e insegnata dal Direttore della scuola.

8 L’Italia ha un’ottima Costituzione, con alti valori etici, i quali sono tranquillamente ignorati dagli amministratori. Ha anche delle buone regole sui rapporti reciproci d’indipendenza tra gli organi legislativi (parlamento), quelli esecutivi (governo) e quelli giudiziari (tribunali), ma le regole sono spesso bellamente trascurate. Il fatto è che l’etica sociale deve sussistere anche nella cultura della gente. Un paese con una maggioranza di “furbetti” non va lontano.

9 Vedi i valori di CPI (indice di corruzione percepita) prodotti ogni anno da sito di Transparency International.

10 I due fenomeni più dimostrativi sono a) L’uso che i governi italiani hanno fatto del Sud, già subito dopo l’unità nazionale, come fonte di voti in cambio di favori, attraverso accordi con le varie mafie, e b) il famoso, ma ufficialmente sempre negato, accordo tra Stato e mafia, subito dopo il maxiprocesso di Palermo contro 460 membri di Cosa Nostra (1986-92), seguito dalla fine del pool antimafia e dall’assassinio di Falcone e Borsellino. Ora che le mafie si sono ben integrate anche al Nord, non si tratta più di un problema geografico, ma di una tragedia di Stato, o per meglio dire, di una grave disfunzione della politica italiana.

11 Vedi l’articolo (in inglese) “Siamo stati avvisati, allora perché non abbiamo potuto prevenirlo?”, New Scientist, 7 marzo 2020, p. 9.

12 L’Islanda si è comportata da paese esemplare. Già alla fine del gennaio 2020, senza ancora nessun evidente caso d’infezione, ha cominciato una campagna di depistaggio (identificazione preliminare di persone infettate) salvando così molte vite. Informazione apparsa sul quotidiano belga La Libre, editoriale del 15 aprile 2020, basato su un articolo dell’importante periodico medico New England Journal of Medicine del 14 aprile, firmato da ricercatori di università islandesi finanziati dalla società deCode Genetics).

13 Questo è un vecchio problema. Le società complesse hanno cominciato a stratificarsi già all’Età del Bronzo, a causa dell’emergente specializzazione professionale e del conseguente vantaggio di alcuni mestieri nel baratto (Giorgi, 2008, citato in nota 2, pp. 82-94). Il modello piramidale, con nobiltà e sacerdoti in alto e contadini e schiavi in basso, è poi stato la regola per alcune migliaia di anni, fino al Medioevo, quando una borghesia capace e operosa (poi anche istruita) si è incuneata in mezzo e ha cominciato a disturbare gli equilibri dello sfruttamento dall’alto, creando poi (nell’Ottocento) pressioni per ottenere più giustizia sociale. Nel secondo dopoguerra, la mancanza di poteri istituzionali per le ex categorie privilegiate, l’indebolimento della borghesia creativa e il terrore del Comunismo hanno giustificato progetti illegali “sotto copertura” usando “elementi deviati”, spesso con la collaborazione di governi stranieri. Questo ha portato, a partire degli anni 1960–70, all’attuale crisi della democrazia nei paesi europei.

14 Per la differenza tra politica di potere e Politica di Servizio, vedi Lunari, A. (2014) Eric Wolf e la nuova antropologia. Tesi di Laurea Magistrale (Università degli Studi di Milano – Bicocca, Antropologia Politica), sez. 6.3, “Uno studio specifico – Italia 2012-2014”, pp. 77-91.

15 Giraud, G. (2020) “Per ripartire dopo l’emergenza Covid-19”, La Civiltà Cattolica, Anno 2020, volume II, Quaderno 4075 (4 aprile), pp. 7-19 (disponibile online sul sito del periodico).

16 Questa regola dell’ONU è incredibile e contro il vero ideale di questa tormentata istituzione. Già la Società delle Nazioni, voluta dal Presidente USA Woodrow Wilson, iniziò nel 1920 ma fallì per l’opposizione dello stesso partito repubblicano USA. Nessuno in ambiente internazionale osa discutere sul veto o volerlo eliminare. Di cosa hanno paura?

17 Vedi Giorgi (2019), citato in nota 3, pp. 102-109.

Connessioni mistiche_2.0

Un post che si presenta quasi come una pagina di appunti piuttosto che un articolo strutturato.

La spiritualità non è qualcosa di disincarnato e di lontano dal mondo e dalla vita. Non è mistica intesa come evasione, un dimenticare una realtà per entrarne in un’altra (quella del divino o del sacro). Spiritualità è per me questione di consapevolezza, prima di tutto di se stessi e del nostro rapporto con la realtà (tutta), sia interiore che esterna. Ha a che fare quindi con il mondo, con il futuro, con l’accettazione e consapevolezza di come interpretiamo lo scorrere e divenire del tempo, è accorgersi di ciò che accade e porre attenzione a ciò che rende bella, e degna di essere vissuta, la vita. Nella spiritualità c’è certamente poi la dimensione dell’accogliere e favorire l’azione dello Spirito (Santo, nella tradizione cristiana), ma non è questa l’occasione per parlarne.

Le analisi sull’incertezza e precarietà del tempo presente si sprecano, ma si moltiplicano anche i pensatori acuti o coloro che sondano letture della realtà, del presente e del futuro, inedite e profonde. Non sono autori strettamente spirituali ma penso lo sforzo per tentare di analizzare oggi il presente e fornirne letture o narrazioni proiettate al futuro siano utili a quel processo di consapevolezza che ritengo, come dicevo prima, fondamento di un contemporaneo alimento della vita spirituale.

Mi sto imbattendo in molte letture che, anche se magari esercito in modo parziale e frammentario, talvolta disegnano intrecci e giochi di rimando piuttosto interessanti e curiosi.

Tutto sembra porsi sul filo conduttore della nuova dimensione epocale della connessione, accentuata da due aspetti: la rete del web e la globalizzazione. Due aspetti sicuramente interconnessi e interdipendenti.

Indico quindi alcuni di questi “fari” attorno ai quali sto faticosamente ma appassionatamente navigando in questo periodo. Sembra una rassegna bibliografica ma per oggi va così.

______________________________________________

1) Il primo personaggio che cito è Parag Khanna.

https://www.paragkhanna.com/

“Dalla sua città di residenza, Singapore, il famoso stratega geopolitico indiano Parag Khanna si è spostato verso le mete più disparate, dall’Ucraina all’Iran, dalle miniere della Mongolia a Nairobi, dalle coste atlantiche al circolo polare artico. Grazie ai suoi viaggi ha avuto modo di osservare i mutamenti epocali che stanno investendo il mondo. Migrazioni, megalopoli, Zone Economiche Speciali, comunicazioni e cambiamenti climatici stanno ridisegnando la geografia planetaria: gli Stati non sono più definiti dai loro confini, bensì dai flussi di persone e di legami finanziari, commerciali ed energetici che quotidianamente li attraversano. In questo scenario anche lo scontro fra potenze assume nuove forme, trasformandosi in un forsennato tiro alla fune: gli eserciti vengono usati tanto per difendere i territori quanto le risorse e le infrastrutture che vi sono custodite. Sono i prodromi della definitiva scomparsa delle guerre? Connectography, che chiude la trilogia di cui I tre imperi e Come si governa il mondo sono i primi due volumi, è una mappa dettagliatissima che non solo ci offre una lucida analisi del presente, ma ci propone una visione molto ottimistica del futuro che ci attende: un mondo in cui le linee che lo connettono sono molte di più di quelle che lo separano”. Fonte: https://fazieditore.it/catalogo-libri/connectography/

______________________________________

2) Il secondo testo sembra fuori dal coro e molto centrato sulla realtà italiana, ma la sua lettura della realtà politica, delle sue ambizioni e possibilità di produrre (o meno) cambiamento, mi sembra interessante e da approfondire.

Stefano Feltri, La politica non serve a niente, Editore: Rizzoli, Milano 2015.

“In questo contesto produttivo in così rapida trasformazione, l’autarchia non è neppure immaginabile: nessun sistema economico, nazionale ma anche continentale, può fare da solo e mettersi al riparo dai flussi globali. Soprattutto se vuole provare a trarre qualche beneficio dalla parte più alta della catena del valore, cioè da quei settori e da quelle attività – entrambi globali – in cui si concentra la produzione di ricchezza. Le élite nazionali e i politici sono quindi costretti ad affidare le proprie speranze e carriere a un sistema economico e finanziario globale che non controllano più. Soltanto se torna la crescita i politici di ogni colore e schieramento possono sperare di essere rieletti. Soprattutto in Europa.

Ma se questo succederà, sarà grazie a canali e processi che i governi non riescono più a controllare. In entrambi i casi, sia che la situazione resti stagnante sia che migliori, sia nei Paesi dei vincitori sia in quelli dei vinti, chi governa farà sempre più fatica a nascondere agli elettori la propria inutilità”. Fonte: lettera43.it

_____________________________________________

3) Il terzo personaggio è forse quello più ambiguo e che devo studiare ancora con maggiore dedizione, però ad una prima valutazione questo suo Homo Deus mi pare da considerare con attenzione.

Yuval Noah Harari, Homo Deus, Bompiani, Firenze – Milano 2017.

http://www.ynharari.com/it/

Mentre Da animali a dèi. Breve storia dell’umanità analizzava il modo in cui gli uomini hanno conquistato il mondo grazie alla loro capacità di credere in miti collettivi sugli dèi, il denaro, l’uguaglianza e la libertà, Homo Deus: breve storia del futuro esamina cosa potrebbe succedere nel momento in cui questi vecchi miti si combineranno con nuove tecnologie quasi divine come l’intelligenza artificiale e l’ingegneria genetica.

Cosa accadrà alla democrazia quando Google e Facebook conosceranno i nostri gusti e le nostre preferenze politiche meglio di noi stessi? Cosa accadrà allo stato sociale quando i computer spingeranno gli uomini fuori dal mercato del lavoro creando una nuova e imponente “classe inutile”? Come si porrà l’Islam nei confronti dell’ingegneria genetica? E la Silicon Valley finirà per produrre anche nuove religioni oltre che nuovi gadget?

Mentre l’Homo sapiens diventa Homo deus, quali nuovi destini ci stiamo costruendo? In quanto divinità autoproclamate del pianeta terra, quali progetti dovremo perseguire, e come proteggeremo il nostro fragile pianeta e l’umanità stessa dai nostri poteri distruttivi? Il libro Homo Deus ci fornisce un sentore dei sogni e degli incubi che daranno forma al XXI secolo.

PER APPROFONDIRE http://www.ynharari.com/it/book/homo-deus/

___________________________________________

4) La quarta indicazione riguarda un testo multiforme, spiralico, che mi accompagna da quasi un anno.

Theodore Zeldin, Ventotto domande per affrontare il futuro. Un nuovo modo per ricordare il passato e immaginare l’avvenire

Traduzione dall’inglese di Roberto Serrai, Editore Sellerio, Palermo 2015.

Titolo originale: The Hidden Pleasures of Life. A New Way of Remembering the Past and Imagining the Future.

In questo singolare e modernissimo trattato Theodore Zeldin prende l’avvio da una constatazione in apparenza molto semplice: qual è il meglio che la vita può offrirci nel nostro mondo attuale, così iniquo, violento, inquinato e corrotto? E cosa possiamo fare come individui, coppie, collettività per immaginare una nuova arte del vivere?
Tale ricerca ha a che fare con il piacere, con i piaceri smarriti a causa della vita abitudinaria, della pigrizia intellettuale, della mancanza di desideri. Per riscoprirli Zeldin non possiede una ricetta infallibile, ma propone un metodo, un orientamento, che ha nella curiosità, nella sorpresa, nella capacità di aprirsi al dialogo e alle idee la sua ragion d’essere.

sellerio.it

“La storia non è solo la testimonianza di ciò che è successo e del perché è successo ma è, soprattutto, una maniera di provocare l’immaginazione”. (p. 12)

__________________________________________

5) Edgar Morin, I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Raffaello Cortina Editore, Milano 2001.

“E’ necessario che tutti coloro che hanno il compito di insegnare si portino negli avamposti dell’incertezza del nostro tempo” (p.14)

“La conoscenza dei problemi cruciali del mondo, per quanto aleatoria e difficile, deve essere perseguita pena l’infermità cognitiva. L’era planetaria necessita di situare ogni cosa nel contesto e nel complesso planetario. La conoscenza del mondo in quanto mondo diviene una necessità nel contempo intellettuale e vitale. E’ il problema universale per ogni cittadino del nuovo millennio: come acquisire l’accesso alle informazioni sul mondo e come acquisire la possibilità di articolarle e di organizzarle? Come percepire e concepire il Contesto, il Globale (la relazione tutto/parti), il multidimensionale, il complesso? Al fine di articolare e organizzare le conoscenze e, per questa via, riconoscere e connettere i problemi del mondo, serve una riforma di pensiero”. (p. 35)

“L’educazione dovrebbe comprendere un insegnamento primario e universale che verta sulla condizione umana. Siamo nell’era planetaria; un’avventura comune travolge gli umani, ovunque essi siano: devono riconoscersi nella loro comune umanità, e nello stesso tempo devono riconoscere la loro diversità, individuale e culturale”. (p. 47)

_____________________________________________

6) Questa citazione riguarda il lavoro di un amico, Massimo Folador, che propone da anni riflessioni e percorsi formativi che mettono insieme la spiritualità ed etica del lavoro benedettina con la realtà delle imprese di oggi (http://www.askesis.eu/). Questo suo nuovo libro racconta di esperienze dove un’impresa illuminata, solida, che si misura con la contemporaneità (con i mercati, si direbbe) ma senza calpestare o abbandonare l’umanità e le relazioni esiste e funziona.

Folador Massimo, Storie di ordinaria economia. L’organizzazione (quasi) perfetta nel racconto dei protagonisti, Edizione: Guerini Next 2017.

«Noi non viviamo in un’epoca di cambiamento ma in un cambio di epoca», scrive Jan Rotmans dando voce a una sensazione che avvertiamo quasi ogni giorno. Eppure la storia ci dice che l’uomo e le organizzazioni sociali ed economiche cui egli dà vita si sono già trovati più volte di fronte a questi momenti di cambiamento e che spesso alcune «minoranze creative» proprio in queste occasioni hanno generato paradigmi, riflessioni e modelli innovativi.
È quello che è accaduto silenziosamente in questi anni anche in Italia. Mentre i mass media ci inondavano di messaggi contrastanti, alcune persone, non poche, e le loro imprese stavano già percorrendo con competenza e passione nuove strade per raggiungere altri risultati. Molto prima che anche il mondo della cultura e le prime ricerche finalmente si accorgessero di loro. È a 24 di queste imprese e ai loro protagonisti che è dedicato questo libro, nella certezza che soprattutto ascoltando le loro storie sia possibile recuperare alcune chiavi di lettura e soluzioni che questo cambiamento epocale ci esorta a sviluppare. Un omaggio a chi ogni giorno, tra i consueti alti e bassi, cerca di dare un senso e una direzione al proprio lavoro, coltivando per sé e per altri un futuro migliore.

http://www.bottegadelmonastero.it/storie-ordinaria-economia-massimo-folador

_______________________________________

7) Kate Raworth, L’economia della ciambella. Sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo, Edizioni Ambiente, Milano 2017.

“Il modello economico oggi prevalente ha aiutato miliardi di persone a migliorare le proprie condizioni di vita. Tuttavia, questi risultati sono stati ottenuti imponendo un prezzo altissimo ai sistemi naturali prima e a quelli sociali dopo. Da un lato, inquinamento, cambiamenti climatici e distruzione della biodiversità; dall’altro, livelli di diseguaglianza che non hanno probabilmente uguali nella storia dell’umanità e che, assieme alle crisi innescate dal sistema finanziario, contribuiscono a dare forza ai movimenti populisti che incendiano gran parte dei paesi dell’Occidente.

È chiaro che qualcosa non funziona, e che l’economia deve essere aggiornata alle realtà del XXI secolo. Per farlo, Kate Raworth ricostruisce la storia delle teorie che stanno alla base dell’attuale paradigma economico, ne evidenzia i presupposti nascosti e con grande sagacia li smonta pezzo per pezzo.

Dopo aver fatto piazza pulita di teorie che, pur risalendo all’Ottocento continuano a essere insegnate ancora oggi, Raworth presenta l’economia della ciambella, che attinge alle ultime acquisizioni dell’economia comportamentale, ecologica e femminista, e a quelle delle scienze del sistema Terra. Indica sette passaggi chiave per liberarci dalla nostra dipendenza dalla crescita, riprogettare il denaro, la finanza e il mondo degli affari e per metterli al servizio delle persone. In questo modo, si può arrivare a un’economia circolare capace di rigenerare i sistemi naturali e di redistribuire le risorse, consentendo a tutti di vivere una vita dignitosa in uno spazio sicuro ed equo.

Ricco di storie e prospettive sorprendenti, attento alle realtà profonde degli esseri umani, L’economia della ciambella è una straordinaria opportunità per imparare a pensare come economisti del XXI secolo”.

________________________________________

8) Giraud Gaël, Transizione ecologica. La finanza a servizio della nuova frontiera dell’economia

Prefazione di: Magatti Mauro – Editrice Emi, Bologna 2015.

Questo libro è un saggio di economia, ma si legge come un thriller. Come in un giallo l’autore indaga partendo dagli indizi (subprime, cartolarizzazioni, Collateralized Debt Obligations, …), identifica le prove (le scommesse fraudolente delle banche sulla pelle dei correntisti), cerca il colpevole (la crisi è morale), rintraccia il movente («la legge del più forte»).
Ma Gaël Giraud, che prima di esser gesuita è stato banchiere e conosce di persona il mondo degli hedge fund e delle Banche centrali, si spinge oltre. E traccia la strada per cercare un futuro di vita alla nostra società, rattrappita dentro lo schema del «paradigma tecnocratico» (papa Francesco) che mira a ottenere di più (risorse, prodotti, benessere) con meno (sforzi, investimenti, partecipazione).

Transizione ecologica significa una società di beni comuni in cui il credito sia considerato mezzo e non fine per realizzare riforme a vantaggio di tutti e benefiche per l’ambiente: rinnovamento termico degli edifici, cambi di prassi nella mobilità, tasse più alte per chi inquina, in pratica «un’economia sempre meno energivora e inquinante». «La transizione ecologica sta ai prossimi decenni come l’invenzione della stampa sta al XV secolo o la rivoluzione industriale al secolo XIX – spiega Giraud -. O si riesce a innescare questa transizione e se ne parlerà nei libri di storia; o non si riesce, e forse se ne parlerà fra due generazioni, ma in termini ben diversi!».

«Se noi crediamo che l’Homo sapiens europeo vale più dell’Homo oeconomicus dei mercati finanziari, allora vale la pena impegnarsi nel cammino della transizione ecologica» Gaël Giraud

________________________________________________

9) Per concludere questa maratona di citazioni, anche se non è mia abitudine fare riferimento a documenti magisteriali ecclesiali, credo che l’enclica “Laudato sì” di papa Francesco, sia un ottimo compendio di analisi, riflessioni e prospettive di questa tematica “cosmoteandrica” (ossia che riguarda la connessione tra Dio – umanità – cosmo) e sguardo di speranza che si apre al futuro.

Francesco Maule – 29 novembre 2017