Francesco Maule

Diari dalla Fortezza Bastiani #2

#

Stiamo vivendo in una Fortezza Bastiani meno repressiva e angusta di quella dei mesi scorsi, ma l’invisibilità del nemico, la sua incomprensibile e minacciosa presenza, restano uguali. Ho iniziato a fare attività per me vitali, come l’andare in bici, incontrare gli amici, allenare i ragazzi del BMX. Il nuovo progetto “mediatico” è in attesa, sto continuando a provare, ma alcune lacune tecniche mi stanno rallentando. Devo solo trovare quella spinta, che potrebbe anche essere esterna, che mi fa buttare e poi forse tutto verrà in modo consequenziale.

Sono giorni sempre densi di accadimenti, ‘sbandamenti’ li chiamavo due estati fa, condizioni esistenziali in cui è necessario continuamente ritrovare equilibrio e riposizionamento (soprattutto interiore). La BMX su questo è veramente maestra.

Concludo questo breve post con la foto dei libri recentemente acquistati. Il libro di Rumiz l’ho terminato questa mattina e non posso che consigliarne vivamente la lettura.

Scrive Rumiz nelle pagine conclusive del suo “Il veliero sul tetto” (p. 118):

“Questo diario, partito da notazioni marginali sul quotidiano, si sta allargando a temi sempre più ampi: la dignità dell’individuo, il fallimento del consumismo, la visione di un’Europa insonne e piena di nemici, l’urgenza di una rifondazione civica del Paese, il bisogno di una nuova Resistenza contro chi rapina il mondo e vorrebbe toglierci la libertà stabilizzando i decreti emergenziali a proprio favore. Col passare dei giorni ho visto la paura del virus ridimensionare quella dell’immigrazione, ossessivamente gonfiata dai sovranisti, ma anche depistare noi tutti dalla percezione del Diluvio prossimo venturo. Abbiamo discusso troppo poco di clima, di povertà del mondo e di questa economia pronta a controllare la nostrà intimità anche con governi illiberali e dittature. Non si sono visti politici capaci di grandi visioni, e oggi rischiamo che la lezione non serva a nulla.”

Quando una “fortezza” non reprime creatività, capacità di riflettere e “guardare” il mondo, ci si può ritrovare capaci di una visione e narrazione nuove, che anche io sto faticosamente cercando di esprimere.

Francesco Maule

4 luglio 2020

Accadimenti

Autoscatto pochi minuti prima della brutta avventura…

In questi giorni si sono intrecciate e sovrapposte alcune vicende che mi hanno profondamente sconvolto emotivamente. Non di tutte vorrò e riuscirò a scrivere, ma per capire la particolarità di ciò che è accaduto, e che in qualche modo ha ridefinito tutte gli altri eventi che mi stanno “frastornando”, scrivo del momento più brutto.

In questi giorni sto facendo delle stupende uscite in bicicletta MTB Enduro con l’amico Rudy. Spesso usciamo di buon mattino. Con lui ho iniziato a parlare di un’idea che sto elaborando e che presto (spero) inizierò a condividere anche qui nel blog. A fine giro lui ha ripreso l’auto per tornare a casa. Io ho preferito continuare la pedalata tornando a casa in bici. In quei minuti, rimasto solo, ho girato un video in cui ho parlato degli “accadimenti”. Un giorno dovrò trovare il coraggio di condividerlo.

Pochi minuti dopo, nella provinciale che unisce Valle di Castelgomberto a Sovizzo, ho visto la morte in faccia. Davanti a me, nella corsia opposta, viaggiava un grosso trattore seguito da una fila di automobili. All’improvviso, e con una velocità pazzesca, la prima auto della fila ha iniziato il sorpasso, invadendo completamente la corsia opposta, quella in cui io stavo procedendo. Millesimi di secondo, un film che non mi si toglie dagli occhi. Mi sono tuffato sulla destra dove il fosso finiva grazie a un passaggio carrabile che dava all’ingresso di un’abitazione. Non sono caduto, sono riuscito a rimanere in piedi, ad alzare un braccio stizzito e poi resomi conto che avrei potuto esser stato disintegrato, il crollo, emotivo.

Ho raggiunto la casa dell’amico Dario, poco lontana, ed entrato nella sua cucina la diga emotiva è tracimata. Mai ho provato una paura simile, mai ho visto la morte da così vicino. Rabbia, paura, spavento, incredulità, mille pensieri che si rincorrevano, il tentativo di cercare di capire cos’era accaduto (non mi aveva visto? non gli o le interessava uccidermi pur di concludere il sorpasso?), una sensazione di aver scampato un pericolo enorme, incomprensione, pensiero e compassione per tutte le vittime (ciclistiche in particolare) della strada, un flusso continuo che in parte è ancora qui che mi scorre dentro…

Oggi va meglio, inizio a parlarne e a scriverne perché a questo si sono collegati altri “accadimenti” che in parte ho provocato, in parte mi sono arrivati inaspettati. Sarà necessaria altra rielaborazione. Ma non mi fermo, in questo viaggio pericoloso e drammatico che è la vita, fragile, stupenda, incomprensibile.

Francesco Maule

26 giugno 2020

diari dalla Fortezza Bastiani #1

Mi ero impegnato a scrivere e pubblicare delle riflessioni, una sorta di diario, di questo periodo, condividendo quest’idea anche con alcuni amici e amiche. L’invasione di altre proposte di questo tipo mi ha in parte demotivato nella condivisione, ma non nella faticosa ricerca di appuntare e fermare con le parole alcuni pensieri ed intuizioni emerse in queste settimane, che oramai sono diventati mesi.

Oggi è un giorno particolare, chi mi è vicino e mi conosce bene sa il perché. Trovo quindi il giusto stimolo e adeguata ispirazione per iniziare a condividere qualcuno dei frammenti di questi diari dalla Fortezza Bastiani. Alcuni scritti sono frutto di una sedimentazione o, come si direbbe in linguaggio monastico, di una ruminazione di pensieri e parole, altri sono poco più che piccoli satori, piccole illuminazioni o intuizioni ancora da rifinire.

# rendere grazie

C’è il riconoscimento di un privilegio, di una pienezza, una soddisfazione che emerge e si è affermata in questa situazione, per me stesso e per le relazioni che mi costruiscono e mi costituiscono.

Per la mia famiglia, per le cose che scrivo e dico (sempre poco umile, lo so, ma non è riconoscimento di una bravura, piuttosto il riconoscimento della possibilità di trovare nelle parole e nella scrittura parti di me stesso che gradisco e riconosco). Grazie.

Grazie per questo amore che mi abita e di cui sento di non avere alcun merito. È felicità? È passione? È esser sceso a patti, un compromesso esistenziale, con la comprensione di un senso della vita?

Rendo grazie a Dio, benedico e dico grazie a voi tutti che mi sopportate, rendo grazie alla Vita, al pensiero, al corpo, a tutto ciò che non viene mai nominato né con i pensieri, né con le parole, né con la poesia. Cresco.

# scrivere

Elisabetta mi invita sempre a non rischiare di scrivere citando altri autori o condividere troppo il pensiero di altri, di essere più personale, diretto, forse meno intellettuale e più “sapiente”. Non credo di riuscirci sempre. Credevo di trovare maggiormente il tempo e le condizioni per una scrittura più composta, fluida, di ampio respiro, con un andamento meno sincopato e didascalico. Anche oggi non sarà così, solo hastag con qualche frase, più o meno insulsa, sotto.

# principio monastico

Clausura, reclusione, deserto, preghiera, meditazione, consapevolezza. Sono solo alcuni termini che sentiamo ripetuti in questo periodo, anche in ambiti e contesti non religiosi, riesumati improvvisamente dalla tradizione monastica ed eremitica.

Il “principio monastico” o “monachesimo interiore” che tanto mi appartiene, così comune a tutte le culture e tradizioni spirituali, e che il secolarismo sembra denigrare o dimenticare, talvolta, in tempi difficili, riemerge e prospetta all’umanità le sue fonti sapienziali.

# quali narrazioni? Dove siamo?

Non è facile riposizionarsi, soprattutto quando il ritrovarsi è obbligato e innaturale. Ma è semplice e complicato ugualmente. Restare a casa, nella propria casa, nel luogo in cui dormiamo, nel luogo che spesso desideriamo, alcova felice e serena, dove gli affetti e la cura è dominante. Oppure la casa è il luogo che per qualcuno è solitudine e isolamento, per altri è incubo, è groviglio insano di dinamiche opprimenti.

Come si sta modificando la mente? Come stiamo ricalibrandoci nella ridefinizione di tempi e possibilità?

Io credo sia necessario affidarci alle narrazioni, lunghe e che si sviluppano in modo progressivo e coinvolgente. Ma non tutte le narrazioni che abbiamo ascoltato o che ci hanno invaso in questo tempo sono state utili. Ci voleva lucidità e pazienza per setacciare e riconoscere. Occorreva stare, occorreva allontanarsi.

Ora è qui che siamo, è qui che dobbiamo capire di essere.

E dobbiamo fare incetta di energie e carica emotiva per affrontare la ripartenza che sarà affannosa e indescrivibile. Ma siamo solo all’inizio del guado, servono energie per superarlo, per questo restare che ci affanna e ci inquieta, e serve una riserva di sapienza e consapevolezza da costruire e preservare per il tempo della nuova uscita, rinascita sociale o chiamiamola semplicemente col suo nome: libertà.

# diari dalla fortezza Bastiani

Il riferimento è al libro “Il deserto dei Tartari” di Dino Buzzati che ho riletto la scorsa estate. Da allora mi accompagnava quest’idea del rileggermi alla luce della vicenda dell’ufficiale Giovanni Drogo. All’inizio di questa fase più serrata di distanziamento sociale ho voluto immaginarci tutti dei Giovanni Drogo rinchiusi forzatamente in una fortezza Bastiani collettiva. Da lì si sarebbero sviluppati dei diari che narravano l’attesa, lo scrutare un orizzonte in cui nulla accadeva, il non poter scegliere un cambiamento o l’adattarsi ad un’inerzia quotidiana passiva e deprimente, rivedersi e vivere specularmente la vicenda del protagonista del romanzo di Buzzati. I diari sarebbero stati molteplici, la fortezza è una sola. L’idea è questa. Chi vuole cerchi una divisa da ufficiale, e affondi in quest’attesa con me.

# figli

Ogni volta che dobbiamo affrontare una cosa nuova ci sentiamo sempre inadeguati. Questa sensazione o convinzione, l’idea che in qualche modo non siamo pronti ad affrontare una cosa nuova, ci può bloccare e non far cambiare mai. Ho pensato che la cosa più “incosciente”, “alternativa”, “rischiosa”, “imbarazzante”, che abbia fatto in vita mia sia stato “fare” dei figli (ne ho due, di 12 e 16 anni).

L’essere genitori è la cosa che ti fa sentire più inadeguato, ignorante, limitato che esista, ma allo stesso tempo vedendoli crescere ti accorgi di quanto quel tuo poco sia immensamente generatore di vita (oltre a mille altre cose, ovviamente…). Una cosa che mi faceva commuovere mentre erano nel grembo di mia moglie era questa: questo essere un giorno penserà, farà le sue scelte, amerà a modo suo… Pazzesco. Da togliere il fiato. Poi ti ritrovi all’improvviso in casa un “giovane coglione” 16 enne, come lo siamo stati tutti e lo sono tutti i sedicenni, e qualche imprecazione ti scappa, ma così è questa sfida dell’esser genitori. Averli avuti entrambi in casa e averci trascorso così tanto tempo insieme è stato per me, per noi, una gran bella opportunità di cui rendo grazie.

# resilienza trasformativa

Ho ascoltato in una live di qualche settimana fa il prof. Giovannini (ex ministro del lavoro nel governo Letta e cooptato nella task force del Governo per la ripartenza) – in un confronto molto interessante e fruttuoso con Castegnaro (Forum di Limena) –  che parlava di resilienze trasformative, in merito alla necessità di cambiamento e ricostruzione dopo aver “resistito” all’urto di questa epidemia.

In fondo pensavo come forse ogni vita sia di fatto un processo di resilienza trasformativa. Penso in particolare alle capacità che tante persone dimostrano di resistere ai traumi, agli infortuni, alla malattia, ai lutti, ai cambiamenti che la vita a volta ti sbatte addosso, alle insoddisfazioni, piccole o grandi, che a volte ci attanagliano. E ci trasformiamo, non per alienarci da noi stessi, ma per avvicinarci sempre più a un “io” che ci piaccia e ci faccia star bene (forse esser felice…ma qui si apre un altro enorme scenario…). Ci vuole coraggio, determinazione, e molti che conosco ne hanno a tonnellate. A tutti i resilienti trasformativi: grazie.

Francesco Maule

7 maggio 2020

CONNESSIONI (A)TEE 2.0.2.0.

Il rendere conto della propria fede in Dio è quanto mai complicato e riguarda un aspetto intimo e personale che non è mia abitudine esternare in modo disinvolto e apologetico. In questo periodo ho pensato di rintracciare alcuni “pilastri” su cui potrebbe fondarsi un eventuale percorso di riflessione sul tema della fede, del credere, del religioso. Ho redatto quindi una delle mie solite “mappe” che ho intitolato “Connessioni (a)tee 2.0.2.0.” dove ho fissato alcuni dei testi e degli autori che mi hanno provocato, educato e/o formato in ambito teologico e spirituale. Non tutti questi libri gli ho letti interamente (la maggior parte sì), ma questi autori sono una selezione che ho individuato se dovessi rispondere alla domanda: «se io volessi confrontarmi con “sapienti”, scrittori e teologi che mi aprano orizzonti di pensiero e riflessione potenti e stimolanti, chi mi indicheresti?»

Di ogni testo o autore potrei scrivere o parlare a lungo (per Etty Hillesum, Raimon Panikkar, Jacques Dupuis nel blog si trova qualcosa), ma preferisco lasciare anche alla curiosità vostra l’eventuale accesso a qualcuna di queste opere. Ovviamente ogni credente o “pensante” ha una sua biblioteca-bibliografia-mappa su questo tema, questa è la mia.

Mappa Connessioni Atee 2020

Dell’aggiornare un blog, del comunicare, del vagare, del vivere…

Dell’avere un blog, del come essere presenti nel web e nei social media, di come aggiornare i propri contenuti, delle cose che si hanno da dire e di cosa si vuole condividere.

Sono domande che prima o poi emergono e si pone colui, come il sottoscritto, in modo più o meno consapevole, ha iniziato qualche tipo di attività legata all’informazione o alla cultura o all’arte nel web. Nel mio caso il blog “elbagolo”.

Soprattutto quando passano le settimane, a volte anche i mesi, e non si riesce a trovare nulla di significativo da dire o da condividere. Nel mio caso in questi due mesi ho scritto molto, letto molto, ascoltato molte cose interessanti, riflettuto e studiato su varie tematiche, ma nulla ha trovato quella declinazione che mi avesse fatto desiderare di pubblicarla e condividerla. Anche se il mio blog ha un numero molto molto ristretto di “followers” che, cosa che non ho mai fatto, ringrazio per la fiducia e fedeltà, è necessario tenere conto che ogni cosa messa in rete ha un potenziale ipoteticamente infinito e indefinito. Io poi, poco umilmente, ho tentato di puntare più sulla qualità (oseri dire sulla significatività) che sulla quantità, ma oggi siamo letteralemente invasi e, lo riconosco, anche di contributi di alta qualità. A volte diventa quindi difficile “postare”, e oggi voglio ammetterlo. Io continuo per la mia strada, una strada secondaria, poco frequentata, silenziosa, che muta spesso contesto, senza una connotazione definita e definitiva, che induca alla riflessione e contemplazione più che alla soluzione e definizione. Questo blog è una parte di me, certamente parziale, che non rinnego, che a volte trascuro e su cui a volte invece ho investito parecchie energie. Mi piace, ne sono fiero e oggi mi ritrovo a riconoscere che quello che posso dire è solo questo.

Forse è arrivato il tempo anche di cambiare qualcosa (in fondo “elbagolo” nel 2020 compie i suoi dignitosi e onesti 10 anni) e qualche idea mi sta frullando in testa, per cui non aggiungo altro, oggi va così, grazie a chi mi legge e segue,

stay tuned!

Francesco Maule

febbraio 2020

LOGOS 2.0

LOGOS

*

Oggi

Parola ti sei posta

nei depositi del declino

e hai rubato il cristallo

che definisce la verità.

Ai cantori hai chiesto

il mutismo,

ai silenzi hai implorato

i suoni e le urla.

Alla verità hai imposto

la denudazione,

la vergogna,

l’imbarazzo.

“Verità – le hai sussurrato

all’orecchio – fuggi via con me,

scappa, nasconditi”.

Oggi

Parola ti sei posta

negli altari che

credevamo eterni

e li hai sciolti:

hai detto tutto.

 

Francesco Maule

Febbraio 2019

Manifestare la realtà #3 -> #6

Manifestare la realtà #3

Epifanizzare il silenzio

renderlo registro acuto del presente

calibrarne dimensioni

allevarlo.

Manifestare quelle regie remote

laddove si siedono i meditanti

con la capricciosa presunzione

che da quell’immobilità

si possa salvare sé stessi.

Manifestare i nascondimenti, le reclusioni, le uscite laterali, le vie di fuga,

gli eremiti, i boati di solitudine

dove si infilano i sensibili.

Ogni attesa sia fisica,

ogni volo un abbraccio.

Qui mi hanno ritrovato, qui starò.

 

Manifestare la realtà #4

Epifanizzare gli errori, i limiti,

ciò che non so

nella sua organica ampiezza

senza fastidio e timore per ciò che so e non sapevo.

Non sapevo nascondermi

non sapevo illudermi

chiedevo solo le informazioni sbagliate.

Compravo cose inutili

spendevo soldi senza criterio,

investivo in bot, accumulavo debiti.

Scioglievo medicine effervescenti

in acqua satura di pfas.

Dormivo, pagavo, cucivo.

Non sapevo mi avresti aspettato

cambiato e diverso

dopo aver attraversato

due di due possibili percorsi

che non pensavo di ritrovare.

Immagino ora che da queste parole inutili e simboliche

possa emergere un personaggio dell’inconscio

che mi riveli un segreto.

 

Manifestare l’attesa #1

(frammenti del “Diario dalla Fortezza Bastiani”)

Non sapevo mi avresti aspettato

così lontani nelle nostre

Fortezze Bastiani

a perderci

a pregare.

Non sapevo avresti aspettato le mie parole, il mio sguardo,

le mie smorfie, la mia presunzione.

Non sapevo avresti aspettato

proprio me.

 

Manifestare l’attesa #2

(frammenti del “Diario dalla Fortezza Bastiani”)

Attendere, per arrivare vicino.

Lì fermarsi, inghiottire tutta l’insoddisfazione, il rimpianto, la nostalgia.

Riconoscere il limite, il confine, la finitudine.

Cucirsela addosso, tatuarsela.

A quei margini, a quelle strutture urlare, opporre il proprio inchiostro, pensare, capire.

Esprimere la mancanza. Offrire.

 

Manifestare la realtà #5

Elenco dei gesti che mi lasciano senza forze:

il lavaggio delle capienze in cui si depositano sporcizie,

che vanno poi asciugate, riposizionate, fissate.

Il riempimento dei serbatoi, delle cisterne, delle bottiglie, delle pentole.

Il disporre l’accesso alla luce, l’accensione delle calorizzazioni, le nutrizioni e le incombenze relative.

L’accesso a quei luoghi in cui la civiltà (o in-ci-viltà) ha riposto tutto il superfluo

rendendolo necessario.

La guida.

Le riunioni, i meeting, i briefing, le associazioni.

La messaggistica istantanea.

Gli aggiornamenti.

I ragionamenti.

Il tenere sollevate le palpebre.

Firmare.

Pagare.

 

Manifestare la realtà #6

(Alcuni spunti per questa epifanizzazione derivano dalla lettura dell’articolo “L’effetto Rashomon” di Natalie Wolchover – Internazionale 1311 – 14/06/2019 pag. 62)

Epifanizzare i movimenti, le variazioni, i cambiamenti.

Ammirare le mutazioni, le evoluzioni, le trasformazioni, eventi piccoli e infinitesimali (piccole molecole di materia) fino alle grandi vicende cosmiche (onde gravitazionali che si riescono ad ascoltare in lunghi corridoi di particelle o le masse risucchiate – chissà dove e chissà quando – dai buchi neri).

Epifanizzare l’inspiegabilità di fenomeni che solo nei numeri – equazioni da cui discende tutto –

rendono apofatica

ogni tensione poetica.

Manifestare il torpore dettato dal calore

la capacità di distanziarsi

pur appassionandosi di ogni creatura e della sua paura.

Manifestare il privilegio

o la benedizione

del riconoscere una realtà che straripa vicende, eventi, situazioni, accadimenti.

Per qualcuno miracoli – per altri leggi fisiche ancora da codificare con algoritmi appropriati.

Manifestare la gioia

nel vedere una mappa

– talvolta frammentaria e stilizzata

che dice elementi di vita nascosta, in penombra,

in cui rintracciare un percorso o delle indicazioni

su cui ritornare e che, dopo una sedimentazione

prendono forma e concretezza

anche se artistica o poetica.

Indicazioni di amanti

sulla loro pelle sudata.

Non ogni attesa è sensata, non tutti aspettano.

La realtà che incanta.

 

Francesco Maule

                                                    Febbraio – luglio 2019

manifestare la realtà #2

Epifanizzare l’universo, con occhi limpidi e intonsi.

Circondare le galassie di stupita ammirazione e riconoscere umilmente la nostra irrisorietà.

Non temere questa grandezza, gestire adulti la sconfinatezza, rimanere convinti e consapevoli della potenza di ogni gesto d’affetto, di ogni parola pensata, di tutta l’espressività della nostra contemplazione.

Riconoscere che le rappresentazioni più significative le propone il cosmo, con il sole che sorge dal mare, col suono delle onde, con le montagne innevate e la loro magnificenza gloriosa, con i paesaggi, con le stupefacenti acrobazie di colore dei fiori, le piante, gli animali esseri compagni o a volte nostre vittime. Sono esempi, sono parziali riconoscimenti, sono breve elenco della varietà e redenzione concreta che si compie, c’è.

Riconoscere che le rappresentazioni più appassionate ed eloquenti le esprimiamo talvolta anche noi, sapiens, sapienti, umani, parole a cui ogni volta occorrerebbe posporre il punto interrogativo, strana specie che sola sa contemplare e descrivere o raccontare tanta bellezza e armonia, o tragica nefandezza, ma allo stesso tempo ne sa stare indifferente, o sprecarla, deturparla, consumarla, sfinirla.

Epifanizzare la terra e le nostre modificazioni, più o meno rispettose. Nutrire ammirazione anche per le strutture manufatte: i ponti, le strade, le case, le chiese, le città, i capannoni, i motori, i congegni, i chip, i fili elettrici, le connessioni, la tecnica, tecnologica, tecnocratica, tecnogenesi e tecnonecrosi.

Esercitare le architetture, santificare gli osservatori delle piccolezze al microscopio. Ubbidire al riflesso della luce sull’acqua, seguire la luna, nascondersi nelle caverne, ognuno sia hacker.

Benedire tutto ciò che che ci fa meglio guardare, osservare, vedere, sentire, toccare, assaporare, capire, amare. È qui, davati a noi, come questo sole che illumina, e si fa corpo di riflesso con gli scogli come braccia. Steso.

Francesco Maule

manifestare la realtà

Epifanizzare la realtà, perché occorre annotare le brecce di dolore che si dissolvono dai muri sottili dell’arroganza. Occorre recuperare quel coraggio ischemico che lacera e disabilita. Non convertirsi, non irrobustirsi. Sfiorare, perlustrare, affondare nei bacini di attese che si creano nelle ansie del morire. Questuare, impoverirsi, escludersi.

foto: Alessandro Colombara

Iniettare postumanesimi nei recessi di selvaggia natura.

Che ogni mantello sia trasformato in vela, che ogni limatura d’amore rediga la forma dello smarrimento.

Abbracciare, inghiottire il respiro, tentare una perdurante memoria attenta per i già andati, vederli ancora, in quell’inghiottitura nostalgica che preme e strazia.

Entrare in una paura immensa, sfavillante regina della desolazione, anima cupa dell’immobilità e respingerla, tradirla, offenderla, disinnescarla. Ammanettarla di certezze e confessioni, spegnerla con la donazione e la fiducia. Quella maledetta paura reprimerla con concretezze di una realtà cangiante. Essere attori senza rappresentare più nulla, essere poeti senza declamare fantasie.

Dire tutto ciò che vedi.

 

Francesco Maule

poesia_1_2019

sbandamenti umbri | 1

Ferentillo (Terni), 15 luglio 2018.

È facile parlare della bellezza dell’ignoto e delle cose impensate che nascono dall’aprirsi all’inedito, al nuovo, al non conosciuto. Spesso viene consigliato alle persone di uscire dall’ordinario per scoprire cose nuove e diverse della vita. Ma poi quanto ti capita veramente… quanto baratro, quanto impaurisce la terra (delle sicurezze) che manca da sotto i piedi. Basta poco: un imprevisto, un’indicazione stradale errata in un territorio che non si conosce, un piccolo incidente o guasto, vedere un paese semi deserto con i muri delle case crepati dal terremoto.

Basta poco per farci superare dei confini, delle piccole isole di sicurezza, dei limiti mentali che però ci rassicuravano e ci davano serenità.

Dicono che sia questo il valore del viaggio, sia questo il senso della conoscenza e della curiosità. Qualcuno la chiama avventura, altri scoperta, altri ricerca.

Io pensavo di essere abbastanza pronto, di avere oramai una maturità pellegrina, errabonda e viaggiatrice (beatnik), invece oggi mi sono scoperto corazzato, limitato, lievemente a disagio. Rompere l’armatura non è stato facile, emotivamente è faticoso, ma quando poi ti ritrovi a scrivere, anche solo poche righe, come volevi fare da tempo, mettendoti lì, davanti alle parole e allo schermo, nella tua propria realtà, dà a questo viaggio un bel capitolo d’inizio.

Francesco Maule

foto: Dario Dalla Costa