Per una nuova autorità nella Chiesa

 

Tra voi non sia così” del vicentino padre Rino Cozza

 
Rino Cozza, presbitero della Congregazione di san Giuseppe, nota come Giuseppini del Murialdo, dopo un servizio pluriennale a Trento, sia come responsabile di una comunità per minori in difficoltà, sia come vicario episcopale per la Vita consacrata, è da qualche settimana tornato a vivere a Vicenza, città in cui è nato e in cui ha vissuto la giovinezza, per aggiungersi alla comunità del patronato Leone XIII. In questi ultimi anni h a intrapreso una serie di pubblicazioni, con le edizioni Dehoniane di Bologna, sui temi della vita religiosa. Nel 2013 ha pubblicato invece un testo interessante e quanto mai appopropriato rispetto alle questioni chiave della Chiesa contemporanea, sul tema dell’autorità nella Chiesa: «Tra voi non sia così». In cerca di una nuova figura di autorità nella Chiesa e nella vita religiosa.

Dopo la prima parte in cui Cozza propone un excursus storico-critico all’esercizio dell’autorità, e del potere, dalla Chiesa delle origini fino al Concilio Vaticano II, passa in una seconda parte a definire come dovrebbe declinarsi l’autorità nella Chiesa popolo di Dio, ossia nel tempo di una nuova concezione antropologica, andando a dire che “in questo tempo l’impegno maggiormente richiesto all’autorità è di dare al Vangelo, nella sua essenzialità, la pienezza di credibilità attraverso parabole di vita vissuta in cui le persone tornino a contare più dei principi astratti, e la fede, più che una dottrina, sia una modalità di essere cristiani dentro la vita degli uomini” (p. 46). Altro concetto espresso da Rino Cozza in relazione alla carettistiche dell’esercizio dell’autorità in ambito ecclesiale è quello della sussidiarietà, cioè la capacità di esercitare le funzioni di governo non tanto nella forma del controllo, del contenimento, quanto piuttosto nella valorizzazione massima possibile delle forme di responsabilità condivisa. “Dare potere anziché tenerlo per sé – scrive Cozza – è l’unica maniera che ha l’autorità per facilitare la maturità nelle persone”. Interessanti anche le pagine che dal concetto di autorità si collegano alle acute riflessioni sul tema dell’obbedienza e della profezia, delinieando in Cozza un solido riferimento al Vaticano II e ai teologi che ne hanno in molti modi contribuito: Tillard, Rahner, Haring. Tutta l’opera presenta le tematiche in oggetto con il dovuto rigore teologico ma con un linguaggio consono ad attirare l’interesse e la riflessione di lettori sia laici che religiosi. “Oggi nella Chiesa – scrive nelle pagine conclusive Rino Cozza – servono interpreti della fantasia di Dio, veglianti in libertà sulle strade cui il futuro si introduce nella storia”.
Francesco Maule

VOCE DEI BERICI – domenica 2 marzo 2014 – 08pag07

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...