Mese: agosto 2011

decrescita e speranza

In occasione degli appuntamenti culturali sul tema: “OSARE LA SPERANZA” organizzati dalla COMUNITA ’ DEI SERVI DI MARIA “SANTA MARIA DEL CENGIO” Via del Convento 17 / Isola Vicentina (VI) / Tel. 0444 976131
www.smariadelcengio.it / info@smariadelcengio.it

Lunedì 22 agosto, ore 21,00 si terrà l’incontro dal titolo La speranza come stile di vita
con MAURIZIO PALLANTE – fondatore del Movimento per la decrescita felice
Moderatore Francesco Maule

Per il pdf della locandina con tutto il programma cliccare qui: Agosto S.Maria 2011

Riporto di seguito un mio articolo con intervista a Pallante del 2008

UNA PROPOSTA ALTERNATIVA PER RAGGIUNGERE IL BENESSERE CHE IL PIL  NON MISURA

 La presenza a Vicenza, nelle scorse settimane, di Maurizio Pallante, è stata l’occasione per scambiare con uno dei maggiori esperti e divulgatori della decrescita, alcune battute su questa tematica così nuova, così necessaria, eppure così denigrata dagli economisti “classici”.

Nel “manifesto per una decrescita felice”, il Movimento «si propone di promuovere la più ampia sostituzione possibile delle merci prodotte industrialmente ed acquistate nei circuiti commerciali con l’autoproduzione dei beni. Questa scelta, che comporta una diminuzione del prodotto interno lordo (PIL), individua la possibilità di straordinari miglioramenti della vita individuale e collettiva, delle condizioni ambientali e delle relazioni tra i popoli, gli Stati e le culture». Abbiamo chiesto a Pallante quale connessione potrebbe esserci tra fede ed etica cristiana rispetto alla prospettiva della “decrescita felice”, pur restando questa una proposta laica e perseguibile da ogni persona. Pallante ci ha così risposto: «Principalmente vedo in due aspetti il legame tra queste realtà: un primo aspetto è che il superamento della società consumistica e legata al solo immaginario della crescita può portare ad una riscoperta e riappropriazione della dimensione spirituale. (altro…)

Hiroshima e Nagasaki, Vicenza ricorda l’orrore

Il 6 Agosto di sessantasei anni fa, fu sganciata la prima bomba atomica della storia, che rase al suolo la città giapponese di Hiroshima. Tre giorno dopo, il 9 agosto 1945, la stessa sorte toccò a Nagasaki. Un orrore che ha causato più di 200 mila morti nei mesi successivi alla deflagrazione nucleare e che sono diventati oltre 350 mila negli anni successivi. La città di Vicenza, che tenta di porsi come crocevia di azioni e gruppi che coltivano percorsi e proposte di pace, ricorda questi eventi in vari modi. Martedì 9 agosto 2011 alle ore 20,30, presso il Piazzale Esedra (Campo Marzo) di Vicenza, dallo “speaker’s corner” (angolo parlante) vicino al busto di Gandhi si terrà l’incontro Il nucleare: ieri, oggi… E domani…?

Verrà proposta dagli organizzatori della “Casa per la Pace” e dal gruppo “amoVicenza”la proiezione di un filmato e l’intervento di Michele Boato responsabile dell’Ecoistituto del Veneto. L’evento è proposto in collaborazione con il Comune di Vicenza – Assessorato alla Famiglia e alla Pace

Vengono segnalati inoltre altri tre momenti significativi per ricordare questa tragedia che segna la storia dell’umanità.

6 e 9 agosto 1945 Hiroshima – Nagasaki perché non si dimentichi mai… a cura del gruppo “Presenza a Longare Francesco Scalzotto”; che da 23 anni organizza una presenza, la domenica mattina, davanti ai cancelli di site Pluto, ex deposito di armi nucleari USA, situato nel comune di Longare (Vicenza). La presenza, nei giorni dell’anniversario, sarà sabato 6, domenica 7, lunedì 8, martedì 9 agosto dalle 8 alle 12.00.

I “Beati i costruttori di pace” invece organizzano, sempre dal 6 al 9 Agosto, la 3ª edizione di “Pace in bici” che si concluderà il 9 Agosto alle 11.00 davanti alla base Usaf di Aviano (PN), dove sono tutt’ora depositati una cinquantina di ordigni nucleari. Per informazioni si può visitare il sito www.beati.org.

Ritorniamo invece in città per parlare dell’evento proposto dal Movimento Internazionale Riconciliazione (M.I.R.) Gruppo Vicenza.

i pacifisti tedeschi che arriveranno a Vicenza il 6 agosto

Stiamo parlando dell’arrivo in città del “Bicitour Monaco-Vicenza”. Il 6 agosto infatti la nostra città ospiterà l’arrivo di un gruppo di pacifisti tedeschi che, partiti in bici da Monaco, hanno scelto Vicenza come punto di arrivo.

Appuntamento in Campo Marzo – Piazzale Esedra, alle ore 17, per un incontro con rappresentanti dell’amministrazione comunale e partecipazione al Flash Mob (azione nonviolenta istantanea).

F.M.

Tratto da “La Voce dei Berici” –  domenica 7 agosto 2011 – pagina 14