Le Chiese dell’est dopo il 1989

INTERVISTA AL GESUITA GERMANO MARANI. A partire dall’ultimo libro di don Strazzari

.

Il volume del prete vicentino è un pellegrinaggio tra incroci di popoli, culture e religioni di un’area del pianeta che ci è particolarmente sconosciuta

Padre Germano Marani, gesuita, professore al Pontificio Istituto Orientale e all’Università Gregoriana di Roma, esperto di teologia ortodossa, consultore presso la Congregazione delle Cause dei Santi, è intervenuto lo scorso 3giugno a Sovizzo Colle per la presentazione del libro di don Francesco Strazzari, parroco dell’U.P. Sovizzo e giornalista inviato speciale della rivista Il Regno.
Il libro, intitolato Ucraina Caucaso Urali. Chiese dopo l’89, è, come l’ha definito proprio il padre Marani, un pellegrinaggio tra incroci di popoli, culture, religioni di un’area del pianeta che ci è particolarmente sconosciuta. Quindi Strazzari permette di colmare un vuoto rispetto ad una terra e a genti così legate ad un recente passato di sofferenze e atrocità, che si stanno però affacciando alla finestra globale cariche di ricchezze e particolarità.

Padre Marani, i paesi di cui ci racconta Francesco Strazzari hanno vissuto anche vicende di martirio nel XX.

«Conosco il martirio del XX secolo nei lager sovietici ma anche nei lager nazisti, perché ho avuto l’onore, la grazia e anche l’onere di occuparmene come consultore presso la Congregazione delle Cause dei Santi.

A differenza di quello dei primi secoli della Chiesa, è un martirio “meno glorioso”. Nei primi secoli, la comunità cristiana assisteva al martirio, il martire era riconosciuto dai testimoni che l’avevano visto morire. Era in un certo senso un martirio “glorioso”.

Nel XX secolo niente di tutto questo. Ad esempio sacerdoti, ma anche i monaci e i laici, che osavano criticare qualche scelta palesemente ingiusta del governo locale della città, venivano prelevati di notte con l’accusa di attività sovversiva contro lo Stato. I più deboli della parrocchia ne rimanevano in qualche modo influenzati e cominciavano dubbi laceranti sulla figura dell’arrestato. Quando il sacerdote veniva internato nel lager iniziava una vita durissima fatta di lavori pesanti, cibo minimo e grande freddo. Anche la morte era pressoché anonima: si moriva di stenti, da soli in qualche baracca, o si veniva assassinati di nascosto. Poi, il corpo veniva cremato o sepolto in fosse comuni, in modo tale che non si potessero vedere i segni delle percosse e dei maltrattamenti ricevuti. Molto spesso i familiari non potevano riavere le spoglie dei loro cari defunti. I processi di revisione e riabilitazione sono cominciati da anni, dopo la caduta del muro di Berlino, ma mancano ancora tante chiarificazioni che è difficile recuperare.

Così, passando dalle isole Solov’ki e arrivando all’Ucraina, non dimenticando degli armeni e i popoli appartenuti alla cosiddetta Unione delle repubbliche sovietiche e i lager nazisti, assistiamo ad un martirio pianificato di moltissimi cristiani di tutte le confessioni: cattolici, greco cattolici, ortodossi, protestanti».


Qual è il valore della fede e delle religione per quelle popolazioni, oggi, in un contesto di mutamento sociopolitico che offre maggiore libertà religiosa ma non nuove prospettive per uscire dalla povertà?

«Il valore della fede espressa visibilmente nella religione è sempre incommensurabile perché ci mette di fronte la relazione fra Dio e l’uomo, fra il mistero della Santa Trinità e quello della Chiesa. Sarebbe qui complesso entrare nel campo interreligioso, poiché in alcune delle terre e popoli incontrati da Don Francesco Strazzari nel suo viaggio non si dovrebbe omettere la realtà delle persecuzioni anche per fedeli di altre religioni.

Se poi la fede è stata testimoniata in quegli anni difficili con il suggello del martirio, ha tutta l’autorevolezza di una fede vissuta fino alle conseguenze più serie. I frutti di quel martirio, secondo molti appartenenti a queste chiese, è la rinascita ecclesiale: così come diceva Tertulliano, il sangue dei martiri è seme dei cristiani. Tuttavia il rischio per alcuni popoli e per alcune chiese è quello di fermarsi a guardare indietro. È un campo in cui servirebbe avere coraggio proprio in considerazion della situazione socio-economica di molti di questi paesi. In alcuni di essi, durante i primi decenni del XX secolo, c’è stato qualche tentativo come quello del Metropolita Andrej Scheptyckij che ha inculturato in Ucraina Occidentale la dottrina sociale contenuta nell’Enciclica Rerum Novarum di Leone XIII, attraverso la creazione di cooperative parrocchiali e molte altre iniziative che si sono rivelate molto feconde. La ricerca di soluzioni possibili non dovrebbe scoraggiare, ma stimolare la creatività, il realismo e la collaborazione soprattutto nei giovani dell’Est Europa con quelli dell’Ovest».

Francesco Maule

Marani chiese est Voce dei Berici 12 giugno 2011

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...